Cerca nel blog

Icona RSS Icona-Email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

DIY - La poltrona 2


Ed eccomi qui con la seconda poltrona. Della prima ve ne avevo parlato qui.
Seguendo lo stesso procedimento ho restaurato anche la seconda. L'intenzione era di farla complementare alla prima (a pois neri su sfondo bianco), ma volendo, anche questa volta, fare tutto senza spendere un euro, ho optato per rubare altra stoffa a mia mamma e cambiare stile conferendo a questa seconda poltrona uno stile più neo barocco, quasi da "Alice nel Paese delle Meraviglie".

Dopo aver staccato tutte le vecchie borchie e tutti i chiodi e tolta la stoffa verde, ecco il risultato.


Scelta la stoffa, ho ripreso in mano i cartamodelli realizzati per la prima poltrona.


E ho cominciato a tagliare la stoffa facendo attenzione a far coincidere le righe tra seduta e schienale e tra schienale e schienale posteriore.


Per far sì che le linee coincidessero, ho fermato con gli spillini la riga di riferimento con la corrispondente riga dello strato inferiore della stoffa piegata, così da poter tagliare in base al cartamodello piegato.




Ho, poi, appoggiato le sagome di stoffa sulla poltrona e appuntato con gli spillini la stessa, in modo tale che la riga di riferimento cadesse in mezzo. La stessa riga, infatti, cade in mezzo anche alla spalliera e alla spalliera posteriore.




Ho fermato con la sparapunti la seduta.


E ho proseguito con lo schienale.


L'attenzione è fondamentale negli angoli dello schienale che devono essere curvi senza arricciarsi troppo sulla superficie visibile.



La stoffa in più è stata tagliata.


E ricoperta con la sagoma per lo schienale posteriore.


Anche qui ho usato gli spillini per fermare l'angolo.


Avendo poche borchie a disposizione, ho deciso di utilizzarne anche un secondo tipo in modo simmetrico.



Ho riutilizzato la stessa passamaneria dell'altra poltrona, facendo sempre la stessa operazione di cucitura per stringerne la larghezza.


E ho battuto le borchie.


Ho deciso di colorare i piedi di bianco (il nero non c'entrava molto). Ho usato un semplice smalto laccato bianco ed ecco il risultato finale.



1 commenti:

Martina ha detto...

Yeah!!! It's seems very beautiful. dear Chiara!!
Compliments! You've to continue your activity!! :D

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Followers

Google+ Followers

 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. - Ogni lettore è responsabile personalmente dei commenti lasciati nei vari post. Si declina ogni responsabilità per quanto scritto da chiunque: anonimi o utenti registrati. - Le immagini pubblicate nel blog, che sono state prelevate dalla Rete, riportano i link con l'indicazione della fonte. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore, si prega di avvisare via e-mail e verranno immediatamente rimossi.
Chez Edmea Design by Insight © 2009