Cerca nel blog

Icona RSS Icona-Email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

La storia di Gino


E' da tempo che volevo raccontare la breve storia di Gino il gondoliere.

Negli anni '60, Gino il gondoliere nato e vissuto da sempre nella sua Venezia, si trasferì in un'altra località.


Inizialmente triste e affranto per l'abbandono della sua città natale, poi si rincuorò trovando in un piccolo paese vicino alle valli di Comacchio acque accoglienti e fedeli nelle quali continuare a navigare con la sua gondola.


Nel 2011, Gino, però, dopo tanti anni di navigazione adriatica, decise di cambiare vita trasferendosi finalmente in montagna, tra le Alpi innevate.


Ma ben presto, la vita montanara cominciò a stargli stretta: senza un corso d'acqua dove remare Gino davvero non ce la poteva fare.
E così decise di trasferirsi, pensando, questa volta definitivamente, nella Ville Lumiére: sulla riva della Senna sicuramente avrebbe trovato la sua strada e avrebbe fatto nuove conoscenze con i marinai dei bateaux mouches.


Il giorno portava in giro lungo la Senna i turisti che venivano a visitare la capitale francese; tutti erano davvero senza parole: Gino il gondoliere veneziano con la sua gondola a Parigi! Che invenzione originale!
La sera, Gino si ritirava nel suo piccolo e modesto appartamento di Montparnasse dove per ore leggeva e sfogliava volumi di arte e si appassionava al periodo degli années folles della città che ormai amava come la sua Venezia. Quando il suo amico Bois non era fuori casa per fare il modello per alcuni famosi pittori, insieme bevevano assenzio e leggevano la storia della città di Livorno dove presto, forse, sarebbero andati insieme.


Un giorno, però, Gino decise di tornare nella sua terra: gli mancava troppo il tramonto sulle acque della laguna, il campanile nella foschia di novembre, le grosse onde come quelle del quadro di Hokusai che il suo amico Bois gli aveva mostrato che, spesso, avevano sfidato la sua piccola gondola negli anni della sua gioventù.


Così tornò a Venezia per continuare a navigare nelle sue acque, portando con sè tutti i bei ricordi del passato.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Followers

Google+ Followers

 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. - Ogni lettore è responsabile personalmente dei commenti lasciati nei vari post. Si declina ogni responsabilità per quanto scritto da chiunque: anonimi o utenti registrati. - Le immagini pubblicate nel blog, che sono state prelevate dalla Rete, riportano i link con l'indicazione della fonte. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore, si prega di avvisare via e-mail e verranno immediatamente rimossi.
Chez Edmea Design by Insight © 2009