Cerca nel blog

Icona RSS Icona-Email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

54. Esposizione Internazionale d’Arte


Anche quest'anno sono andata alla Biennale.

È aperta al pubblico da sabato 4 giugno al 27 novembre 2011 ai Giardini e all’Arsenale la 54. Esposizione Internazionale d’Arte dal titolo ILLUMInazioni, diretta da Bice Curiger e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta. La vernice si è svolta nei giorni 1, 2 e 3 giugno 2011. La cerimonia di premiazione e di inaugurazione si tiene ai Giardini sabato 4 giugno alle ore 12.
L’Esposizione, distribuita su 10mila metri quadri tra il Padiglione Centrale ai Giardini e l’Arsenale, forma un unico percorso espositivo con 83 artisti da tutto il mondo. 32 sono i giovani nati dopo il 1975 e 32 le presenze femminili. Quattro partecipanti sono stati invitati a creare dei parapadiglioni, strutture scultoree realizzate ai Giardini e all’Arsenale per ospitare il lavoro di altri artisti. Oltre a favorire nuove forme di collaborazione, i parapadiglioni puntano a rendere più dinamico il percorso espositivo. Bice Curiger ha inoltre incoraggiato l’avvicinamento reciproco degli artisti della sua mostra e quelli delle partecipazioni nazionali ponendo a tutti cinque domande sui temi dell’identità e dell’appartenenza: 1. la comunità artistica è una nazione? 2. quante nazioni ci sono dentro di lei? 3. dove si sente a casa? 4. che lingua parlerà il futuro? 5. se l’arte fosse uno stato, cosa direbbe la sua costituzione? Le risposte, pubblicate nel catalogo, riproducono le voci degli artisti e disegnano una mappa dell’immaginario collettivo contemporaneo.
Tre opere di Tintoretto fanno parte di ILLUMInazioni: l’Ultima Cena (proveniente dalla Basilica di San Giorgio Maggiore), il Trafugamento del corpo di San Marco e la Creazione degli Animali (conservate presso le Gallerie dell’Accademia). Le tre tele, concesse in prestito dalla Soprintendenza per il Polo Museale Veneziano, sono esposte nella sala grande del Padiglione Centrale ai Giardini.
“L’arte di Tintoretto - evidenzia Bice Curiger - è eterodossa e sperimentale e si distingue per un marcato trattamento della luce. La presenza di questi dipinti alla Biennale deriva dalla convinzione che, con la loro immediatezza pittorica, possano rivolgersi ancora oggi a un pubblico contemporaneo”.
La Mostra è affiancata, come di consueto, nei padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia, da 89 Partecipazioni nazionali, numero record per la Biennale Arte (erano 77 nel 2009). Il Padiglione Italia all’Arsenale, organizzato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali con il PaBAAC - Direzione Generale per il Paesaggio, le Belle Arti, l’Architettura e l’Arte Contemporanee, è curato da Vittorio Sgarbi.
Le nazioni presenti per la prima volta sono Andorra, Arabia Saudita, Bangladesh, Haiti. Altri paesi partecipano quest’anno dopo una lunga assenza: India (1982), Congo (1968), Iraq (1990), Zimbabwe (1990), Sudafrica (1995), Costa Rica (1993, poi con l’IILA), Cuba (1995, poi con l’IILA). Sono 37 gli Eventi collaterali della 54. Esposizione, proposti da enti e istituzioni internazionali che allestiscono le loro mostre in vari luoghi della città.
In occasione della 54. Esposizione il Padiglione Venezia ai Giardini, curato da Renzo Dubbini, presenta il video artista Fabrizio Plessi con l’opera MARIVERTICALI.
Per il Presidente Paolo Baratta “la Biennale è come una macchina del vento. Ogni due anni scuote la foresta, scopre verità nascoste, dà forza e luce a nuovi virgulti, mentre pone in diversa prospettiva i rami conosciuti e i tronchi antichi. La Biennale è un grande pellegrinaggio dove nelle opere degli artisti e nel lavoro dei curatori si incontrano le voci del mondo che ci parlano del loro e del nostro futuro. L’arte è qui intesa come attività in continua evoluzione”.
“Dopo 116 anni di vita della Biennale la Forma della Mostra attuale è quella definita in modo compiuto nel 1999 e confermata e perfezionata negli anni successivi. Dico questo - afferma Baratta -  perché è proprio a partire da quell’anno che alla Mostra organizzata per Padiglioni si affianca in modo netto e distinto la Mostra che il curatore nominato dalla Biennale deve organizzare come Mostra internazionale, con un compito chiaro non dovendo egli farsi carico della selezione del Padiglione Italia.”
“I Padiglioni dei Paesi – chiarisce Baratta - sono una caratteristica molto importante della Biennale di Venezia. Una formula antica di presenza degli stati eppure viva e vitale più che mai. Preziosa in tempi di globalizzazioni, perché ci dà il tessuto primario di riferimento sul quale possono essere osservate e meglio evidenziate le autonome geografie degli artisti, sempre nuove, sempre varie. Ci si può chiedere in che misura questi Padiglioni portino con sé, per quanto ampia sia l’autonomia lasciata ai curatori, anche desideri di rappresentazione del Paese che li organizza. Possiamo senz’altro dire che in essi i Paesi rivelano il ruolo attribuito all’arte contemporanea quale messaggera del loro presente e della loro ricchezza culturale. Ma dai Padiglioni vengono anche rivelazioni su realtà e ricchezze più profonde di quelle delle pretese o consuete immagini ufficiali e stereotipate”.
“ILLUMInazioni fa sorgere nuove forme di collaborazione tra gli artisti - spiega Bice Curiger. In un’epoca in cui la 'tecnologia della difesa dei confini' è diventata un’attività fiorente ma ambigua e perfino macabra, parlare di nazioni implica anche che si parli di frontiere. Se si ripone fiducia nell’arte, questa può ravvivare l’orizzonte con lungimiranza e complessità al di là della consueta ridondanza paralizzante dell’attualità quotidiana. In ILLUMInazioni il tema dell’estraneità riveste puntualmente, a livello subliminale, un ruolo non da poco. Nella storia dell’arte non è stata forse assegnata una certa condizione di emarginazione già a Tintoretto, riconosciuto pure quale grande innovatore?”.
 “ILLUMInazioni presenta un’arte attuale - continua Curiger - plasmata da gesti che tendono verso una collettività e riferiscono al contempo di un’identità frammentata, di relazioni temporanee e di oggetti in cui è inscritta la transitorietà”.
http://www.labiennale.org/it/arte/esposizione/54eia/





2 commenti:

VenetiaMicio ha detto...

Je suppose que tu as déjà fait un tour à la biennale car tu nous montres beaucoup de photos...
As-tu reçu mon courriel ?
bisous
Danielle

Edmea ha detto...

Bonsoir Danielle,

oui j'ai reçu ton courriel et je suis dejà allée à la Biennale :-D
Pendant ce weekend j'éspére de trouver un peu de tempos pour t'écrir de mes dernières aventures..
A bien tot!
Baci!

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Followers

Google+ Followers

 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. - Ogni lettore è responsabile personalmente dei commenti lasciati nei vari post. Si declina ogni responsabilità per quanto scritto da chiunque: anonimi o utenti registrati. - Le immagini pubblicate nel blog, che sono state prelevate dalla Rete, riportano i link con l'indicazione della fonte. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore, si prega di avvisare via e-mail e verranno immediatamente rimossi.
Chez Edmea Design by Insight © 2009