Cerca nel blog

Icona RSS Icona-Email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

Henri Gaudier-Brzeska


Saint-Jean-de-Braye, 4 ottobre 1891 – Neuville-Saint-Vaast, 5 giugno 1915

E' stato uno scultore e pittore francese, di stile vorticista.

Henri Gaudier è nato a Saint-Jean-de-Braye vicino a Orléans. Nel 1910 si trasferisce a Londra per diventare un artista, anche se non ne aveva ancora la formazione formale. Insieme a lui parte anche Sophie Brzeska, una scrittrice polacca che aveva oltre il doppio della sua età e che Henri aveva incontrato presso la Bibliothèque Sainte-Geneviève a Parigi e con la quale aveva iniziato un intenso rapporto simbiotico; Sophie, anche se non sposò mai Henri, utilizzò per tutta la vita il cognome del compagno.

Henri si dedicò da subito alla scultura, prendendo spunto dall'attività di falegname del padre.
Una volta in Inghilterra Gaudier-Brzeska entrò in contatto con il movimento Vorticista di Ezra Pound e Wyndham Lewis, diventando uno dei membri fondatori del gruppo a Londra. Dopo il suo arrivo e subendo l'influenza di Jacob Epstein nel 1912, Henri cominciò a credere che la scultura doveva lasciarsi alle spalle la tecnica del "rifinito" della classicità greca e porre l'attenzione su un intaglio più diretto in cui i segni lasciati dagli strumenti doveva essere ben visibili a lavoro ultimato. 

Abbandonando il suo fascino e la sua attenzione per Auguste Rodin, Henri iniziò a studiare le sculture extra-europee opere del British Museum e del Victorian and Albert Museum. Ben presto sviluppò un forte interesse per l'arte giapponese, e poi africana e delle isole del Pacifico. 

Nel 1913 collaborò per le illustrazioni del libro di Haldane Macfall "The Wayfaring Splendid" con Claud Lovat Fraser e Edward Gordon Craig. 

Lo stile del disegno di Gaudier-Brzeska è stato influenzato dalla calligrafia cinese e la poesia che scoprì grazie a Ezra Pound.
I suoi disegni mostrano anche l'influenza del cubismo.
All'inizio della prima guerra mondiale, Gaudier-Brzeska si arruolò con l'esercito francese. Sembra che abbia combattuto con poco riguardo per la sua sicurezza, ricevendo così una decorazione per il coraggio, prima di essere ucciso nelle trincee a Neuville-Saint-Vaast.

Dopo la sua morte Sophie rimase per anni sotto shock e morì nel 1925 in un manicomio. 





0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Followers

Google+ Followers

 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. - Ogni lettore è responsabile personalmente dei commenti lasciati nei vari post. Si declina ogni responsabilità per quanto scritto da chiunque: anonimi o utenti registrati. - Le immagini pubblicate nel blog, che sono state prelevate dalla Rete, riportano i link con l'indicazione della fonte. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore, si prega di avvisare via e-mail e verranno immediatamente rimossi.
Chez Edmea Design by Insight © 2009