Cerca nel blog

Icona RSS Icona-Email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

Rita de Acosta Lydig


New York, ottobre 1875 – New York, 27 ottobre 1929

E' stato un donna dell'alta società americana considerata come "la donna più pittoresca in America".

E 'stata fotografata da Adolf de Meyer, Edward Steichen, e Gertrude Käsebier, scolpita in alabastro da Malvina Hoffman, dipinta da Giovanni Boldini e John Singer Sargent.
Ha anche scritto un romanzo, "Tragic Mansions" con lo pseudonimo di onorevole Filippo Lydig.
Si tratta di un melodramma ambientato nell'alta società, descritta come "emotivamente accattivante e in movimento" dal The New York Times.

Rita de Acosta è nata a New York City nel 1875 da Ricardo de Acosta, un dirigente di nave a vapore in linea d'origine cubana, e madre spagnola, Micaela Hernandez y de Alba de Alba.
Aveva sette fratelli: Joaquin, Enrique, Ricardo, Mercedes, Aida, Maria e Angela. Sua sorella Mercedes de Acosta, amante di Greta Garbo star del cinema, è stata una scrittrice, sceneggiatrice e critica.
Un'altra sorella, Aida de Acosta, divenne la prima donna a volare.

Rita de Acosta è stata sposata due volte: Il 3 gennaio 1895, all'età di 19 anni, divenne la prima moglie di William Earl Dodge Stokes, un miliardario con il quale ebbe un figlio, William Earl Dodge Stokes Jr, nato il 5 gennaio 1896.Il matrimonio fu infelice, a causa del temperamento di Stokes e della sua violenza fisica su Rita. Quando divorziarono nel 1900, Rita ricevette un risarcimento di quasi due milioni di dollari, un record per il tempo.

Nel 1902 sposò il capitano Philip M. Lydig, un ufficiale in pensione dell'Esercito degli Stati Uniti. Si separarono nel 1914 e divorziarono nel 1919. Nel 1921 Rita ha annunciato il suo fidanzamento con il reverendo Percy Stickney Grant, rettore della chiesa dell'Ascensione. I loro progetti di matrimonio furono interrotti nel 1924 quando il Vescovo William Manning ha rifiutato di autorizzare il matrimonio, citando Lydig come donna divorziata, con due ex mariti in vita. Il Rev.Grant morì poco dopo, lasciando la sua fortuna personale  alla donna che aveva sperato di sposare. Rita spese ingenti somme di denaro nella moda, nell'arte, in mobili e altri oggetti per superare il suo dolore.Pochi anni dopo, pesantemente indebitata, fu costretta a vendere la sua casa di Washington Square e il suo contenuto. Dichiarata fallita, morì di anemia perniciosa presso l'Hotel Gotham poco dopo, all'età di 54.E' sepolta con la madre e la sorella Mercedes, al Trinity Church Cemetery di Washington Heights, New York City.

Famosa per il suo stile di vita stravagante, '... Rita è stata accolta a Parigi, dove ha trascorso ogni anno una vacanza. Arrivava al Ritz con un parrucchiere, un massaggiatore, un autista, uns segretaria, una cameriera e bauli Vuitton, A Parigi, entra a contatto con musicisti, artisti, intellettuali e filosofi, come Rodin, Duse, Yvette Guillbert ecc.. Impressionata dall' innato spirito creativo di Rita, Isabella Stewart Gardner, la grande collezionista e creatrice del Gardner Museum di Boston, una volta chiese al loro comune amico, John Singer Sargent, perché Rita non si era mai espressa artisticamente. "Perché dovrebbe?" Sargent rispose: "Lei stessa è arte."
Rita Lydig visse a New York, Parigi e Londra, e contò tra i suoi amici Edgar Degas, Auguste Rodin, Lev Tolstoj, Sarah Bernhardt, Ethel Barrymore e Claude Debussy. Ha inoltre sostenuto la causa delle suffragette. Il suo guardaroba personale divenne la base per l'inizio del Costume Institute al Metropolitan Museum of Art.

http://en.wikipedia.org/wiki/Rita_de_Acosta_Lydig



0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Followers

Google+ Followers

 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. - Ogni lettore è responsabile personalmente dei commenti lasciati nei vari post. Si declina ogni responsabilità per quanto scritto da chiunque: anonimi o utenti registrati. - Le immagini pubblicate nel blog, che sono state prelevate dalla Rete, riportano i link con l'indicazione della fonte. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore, si prega di avvisare via e-mail e verranno immediatamente rimossi.
Chez Edmea Design by Insight © 2009