Cerca nel blog

Icona RSS Icona-Email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

"Modigliani Scultore" al MART di Rovereto


Sabato 18 dicembre ha aperto la mostra "Modigliani Scultore" al MART di Rovereto (TN).
Ovviamente non potevo mancare e, come cerco sempre di fare, il primo giorno io ero là.

Come sempre il MART è un Museo davvero sensazionale. L'ho visitato già altre volte in occasione di altre mostre e ogni volta tornarci è sempre un gran piacere.
Nonostante non ami molto le architetture moderne, nel MART non ci si sente oppressi dal cemento, dal bianco, dalla "tecnologia". Sembra, piuttosto, di entrare in una grande casa con tante scale che ti conducono ai diversi piani e il tutto accompagnato dalla gentilezza delle guide, dei ragazzi guardasala, dai commessi dello shop e dalle molte iniziative piacevoli (questa volta c'erano degustazioni gratis per gli ospiti del museo) che indubbiamente rendono ancora più gradevole la visita in un luogo di cultura.

Ma parliamo della mostra. Sarò di parte (anzi, indubbiamente), ma davvero sono restata senza parole.
Ho visto e rivisto le teste e le cariatidi di Modigliani mille volte su tutti i libri che ho, ma non me le sarei mai immaginate così. Sono gigantesche rispetto a quello che mi aspettavo e di una perfezione certosina.
La pietra, per la maggior parte calcarea (e quindi facilmente lavorabile), rende ancora di più l'idea della linea, la stessa linea che si riscontra nei disegni e nelle bozze appese alle pareti e sapientemente illuminate da piccoli faretti che rendono l'atmosfera calda e un po' mistica.

Interessantissimo è stato anche l'accostamento con altre sculture (alcune non le conoscevo) di altri artisti e di diverse epoche.
E le maschere africane sono qualcosa di davvero sensazionale. E' forte, come ben si sa, l'influenza che le teste di Modigliani hanno subìto dalle maschere del continente nero ed è ancora più forte, camminando tra le sale del museo, la piena comprensione di come Parigi, a inizio secolo, doveva essere la culla di incontro e di nascita di tante teorie artistiche.

Mi è mancato il fiato davanti a tutte le sculture di Modigliani, ai disegni (uno in particolare è molto interessante: pieno di annotazioni e conti matematici), ma mi sono emozionata anche davanti ad "Adamo ed Eva" di Costantin Brâncuşi, uno degli scultori che amo di più in assoluto.
Con mio grandissimo piacere c'erano anche alcune tele dell'artista livornese, anche una tra le più belle, il "Ritratto di Elena Pavlowski". E ho rivisto con piacere il "Ritratto del pittore Frank Haviland" (si trova permanentemente esposto alla Guggenheim di Venezia).

Una mostra stupenda, il MART stupendo (come ho scritto nel libro degli ospiti all'entrata).
Qualcosa di indimenticabile.

Grazie al MART e al mio ragazzo che, fedelmente, mi accompagna e mi segue nelle mie "avventure artistiche".




Testa di donna, 1912


Testa di donna, 1911-13


Testa, 1911-12 ca.

2 commenti:

cothraige ha detto...

Merci pour vos billets, bonnes fêtes de fin d'année!

Edmea ha detto...

Merci a Vous pour votre commentaire.

Buon Natale e Felice Anno Nuovo!

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Followers

Google+ Followers

 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. - Ogni lettore è responsabile personalmente dei commenti lasciati nei vari post. Si declina ogni responsabilità per quanto scritto da chiunque: anonimi o utenti registrati. - Le immagini pubblicate nel blog, che sono state prelevate dalla Rete, riportano i link con l'indicazione della fonte. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore, si prega di avvisare via e-mail e verranno immediatamente rimossi.
Chez Edmea Design by Insight © 2009