Cerca nel blog

Icona RSS Icona-Email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

Il collezionista Roger Dutilleul


1873-1956

Ha iniziato la sua collezione nel 1905 acquistando da importanti rivenditori come Ambroise Vollard, Daniel-Henry Kahnweiler e Leonce Rosenberg.
E 'stato Daniel-Henry Kahnweiler a influenzarlo maggiormente nell'evoluzione del suo gusto per gli acquisti.
Come un vero amatore guidato dall'istinto, Roger Dutilleul manifesta un precoce interesse per il cubismo e acquista alcuni dipinti di Georges Braque e Pablo Picasso, allora quasi sconosciuto.

Di mezzi modesti, ma caparbio nel seguire l'andamento delle avanguardie artistiche, è periodicamente abituato a disfarsi di alcune sue opere per acquisirne di nuove di artisti secondari del fauvismo.
L'assenza nella sua raccolta di alcuni importanti artisti come Henri Matisse, Juan Gris, è legata alla scelta personale di questo dilettante. Anche se appassionato di pittura cubista, Dutilleul non apprezza l'arte di Juan Gris, essendo troppo asciutto e calcolatore. Allo stesso modo, l'opera di Matisse non lo attira ie non gli procura alcuna emozione estetica. Questa emozione la ritrova solo in pochi artisti tra cui Amedeo Modigliani che acquista regolarmente; Fernand Leger che scopre intorno al 1919 e soprattutto André Lanskoy cui è patrono quasi per tutta la vita.
Dutilleul non amava le classificazioni, ma cercava nei suoi acquisti che l'artista avesse espresso attraverso i suoi dipinti la sua spontaneità e i suoi sentimenti genuini.
Il collezionista, poi, conosce anche la pittura naïf di O'Brady, di Vivin e di André Bauchant che assumono un ruolo di primo piano nella collezione.
Gran parte di questa, in effetti, si concentra sulla rappresentazione della figura umana e sull'espressione della sofferenza esistenziale (Amedeo Modigliani, Bernard Buffet, Eugene Dodeigne ...).
La sua collezione è un insieme di origine privata  tra le più rappresentative della storia dell'arte moderna, durante la prima metà del XX secolo.


In un ritratto di Amedeo Modigliani


Maurice Utrillo - Théâtre de l'atelier sous la neige, dalla collezione Dutilleul


Kees Van Dongen - Femme lippue, dalla collezione Dutilleul

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Followers

Google+ Followers

 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. - Ogni lettore è responsabile personalmente dei commenti lasciati nei vari post. Si declina ogni responsabilità per quanto scritto da chiunque: anonimi o utenti registrati. - Le immagini pubblicate nel blog, che sono state prelevate dalla Rete, riportano i link con l'indicazione della fonte. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore, si prega di avvisare via e-mail e verranno immediatamente rimossi.
Chez Edmea Design by Insight © 2009