Cerca nel blog

Icona RSS Icona-Email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

Ramon Casas y Carbó


Nacque il 5 gennaio 1866 a Barcellona (Spagna), figlio di Ramón Casas y Gatell, indiano che aveva fatto fortuna a Cuba, e di Elisa Carbó y Ferrer, figlia di una ricca famiglia borghese.
Si formò artisticamente a Barcellona con Joan Vicens e si perfezionò a Parigi, dove visse dal 1890 al 1894. In quegli anni, mentre lavorava come disegnatore ed illustratore della rivista L´Avenç, frequentò gli studi all'Accademia di Durand a fianco di Eugène Carriére e Pierre Puvis di Chavannes.
Nelle sue prime opere plasmò interni ed esterni parigini usando con scioltezza il tocco e la concezione impressionista.

Al suo ritorno a Barcellona continuò a coltivare questa tendenza iniziale della sua pittura, soprattutto nei suoi quadri di interni con figure femminili, ma si sentì attratto anche per la pittura storica, in particolare nella rievocazione di avvenimenti contemporanei. Ciò si concretizzò in quadri di grande formato, con moltitudini di figure e dotati, in alcuni casi, di intensi effetti di drammaticità, come per esempio la "Garrote vil", una delle sue opere più conosciute.
Fra i suoi generi preferiti figurano anche le processioni ed i balli popolari.

Per dinamizzare l'ambiente artistico della Barcellona dell'epoca, nel 1897, Ramon con Rusiñol, Romeu ed Utrillo aprirono la birreria Els Quatre Gats modellato sull'esempio de Le Chat Noir parigino e fondarono la rivista dello stesso nome che più tardi venne pubblicata col titolo di Pel i Ploma. Frequentatore assiduo del locale era William Deering, un milionario americano, che divenne il suo mecenate e gli incaricò diverse opere d'arte.
Nello stesso periodo cominciò i dodici oli per il salone del fumatore del Liceo di Barcellona. Fu l'occasione di entrare in contatto con molte delle personalità della società barcellonese dell'epoca, che ritrasse in più di duecento opere realizzate con i suoi incisivi disegni al carbone, che l'accreditarono come un eccellente ritrattista fino ad esercitare una notevole influenza su Ricasso.
Non meno interessante fu la sua attività come designer di cartelli pubblicitari che realizza per prestigiose firme commerciali.

Con i suoi pennelli seppe esprimere l'anonimato di interni di caffè o della vita per strada, con tutta la spontaneità che emanano tanto l'ambiente quanto i suoi personaggi. Il suo stile accusa l'influenza di Manet, Whistler e Degas per i colori soavi ed i contorni sfumati che evolsero fino ad un tipo di pittura più colorista e di marcato carattere realistico dove Casas rappresentò personaggi come "Cabeza de un bandolero" od opere di compromesso contenuto sociale come "La carga" (numero regionale della Garrotta).
Dal 1904 al 1905 lavorò a Madrid per il ritratto equestre di Alfonso XIII e nella realizzazione di diversi ritratti al carbone di personalità del mondo della cultura.
Morì il 1 marzo 1932.

http://www.raccontiepoesie.org/Immagini%20del%20giorno/Galleria_Autori/Casas%20Ramon.htm




Ritratto di Erik Satie (dietro c'è un moulin!)





Ballo al Moulin de la Galette

2 commenti:

Rè And ha detto...

trovo... il tuo blog , incantevole ! lieto di seguirti.

Edmea ha detto...

Grazie Rè And! :-)

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Followers

Google+ Followers

 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. - Ogni lettore è responsabile personalmente dei commenti lasciati nei vari post. Si declina ogni responsabilità per quanto scritto da chiunque: anonimi o utenti registrati. - Le immagini pubblicate nel blog, che sono state prelevate dalla Rete, riportano i link con l'indicazione della fonte. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore, si prega di avvisare via e-mail e verranno immediatamente rimossi.
Chez Edmea Design by Insight © 2009