Cerca nel blog

Icona RSS Icona-Email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

Il Cabaret du Néant


Fondato nel 1892 da Dorville, il Cabaret du Néant (detto anche "La Taverna dei Morti") aprì la sua prima sede a Parigi (per poi ampliarsi anche a New York). La costruzione purtroppo non esiste più, ma sappiamo che si trovava al n° 34 del Boulevard de Clichy.
Dopo essere entrati nel locale, gli spettatori seguivano un "monaco" che li portava nella vera e propria sala (detta "salle d'intoxication"). Qui tra i muri anneriti (a causa di un lampadario a candele costruito con vere ossa umane)potevano ordinare da bere stando comodamente seduti ai loro tavoli a forma di bara. I camerieri erano in abiti funebri.
Un cabaretista richiamava la loro attenzione alle immagini di figure che si confondevano con quelle di scheletri dipinti. Mentre le campane davano i loro rintocchi e una marcia funebre suonava, il monaco accompagnava il pubblico in una seconda sala dove veniva chiesto a un volontario di salire sul palco e infilarsi in una bara posta in verticale.
La povera vittima veniva, poi, avvolta in un sudario bianco lasciando gli spettatori senza fiato gli spettatori grazie a un effetto ottico simile ai raggi X che permetteva di osservare lo scheletro del prescelto.
Con un effetto simile veniva creato anche lo spirito che spesso girava attorno ai tavoli nella sala del Café.







2 commenti:

LE CHEMIN DES GRANDS JARDINS ha detto...

Ce document est très intéressant, tant sur le plan des photographies que sur le commentaire. La mort a de tout temps horrifié ou fasciné les hommes. De là à en faire un club d'aussi mauvais goût, plutôt comique et ridicule, il y a un pas que je franchissais vraiment pas. Nous faisons commerce de tout !

Roger

Edmea ha detto...

Malgré le mauvais goût, je pense que le Cabaret du Néant a donné de nombreux stimulations à beaucoup d'artistes, écrivains et autres.

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Followers

Google+ Followers

 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. - Ogni lettore è responsabile personalmente dei commenti lasciati nei vari post. Si declina ogni responsabilità per quanto scritto da chiunque: anonimi o utenti registrati. - Le immagini pubblicate nel blog, che sono state prelevate dalla Rete, riportano i link con l'indicazione della fonte. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore, si prega di avvisare via e-mail e verranno immediatamente rimossi.
Chez Edmea Design by Insight © 2009