Cerca nel blog

Icona RSS Icona-Email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

La Metrò di Parigi


Intorno al 1845, la città di Parigi e le imprese ferroviarie considerano fondamentale istituire una rete ferroviaria sotterranea.

Nel 1871, dopo le prime elezioni municipali, viene presa la decisione di iniziare i lavori; il progetto vede la creazione di una linea ferroviaria locale, un mezzo intermedio tra gli omnibus e le carrozze a cavalli.

Inizialmente ci si limitò a 7 stazioni capolinea in un cul-de-sac collegato con la Petite Ceinture, una linea circolare, aperta ai passeggeri e dotata di 21 stazioni. Successivamente due disegni si opporanno: il comune di Parigi intende realizzare una rete posta sotto il controllo locale costituita da servizi per soddisfare le esigenze prioritarie della sua popolazione mentre le società ferroviarie e dei servizi delle amministrazioni pubbliche si concentrano sul futuro sviluppo delle linee esistenti che terminano in stazioni ferroviarie (Gare Saint-Lazare, Gare du Nord, Gare de l'Est, Gare de la Bastille, Lyon, Gare d'Austerlitz e Gare des Invalides, la stazione di Montparnasse) e della Petite Ceinture.

Tra il 1856 e il 1890 si sviluppano diversi progetti senza, però, mai attuarsi.
La combinazione di diversi fattori finalmente sbloccano uno dei tanti progetti parigini: la pressione dell'opinione pubblica, l'esempio delle altre grandi metropoli, la crescita demografica e l'arrivo di nuove personalità politiche fanno si che la metropolitana parigina possa nascere.

Dopo l'approvazione del progetto di Fulgence Bienvenüe e Edmond Huet, il 20 aprile 1896 un Decreto prevede la costruzione di una prima tranche di 6 linee. Il lavoro si avvia il 4 ottobre 1898.
La metropolitanta di Parigini ha caratteristiche particolari: oltre ad essere sotterranea, si caratterizza di mezzi a  trazione elettrica, con uno scartamento standard e con dimensioni massime di 2,40 m, il che vieta la circolazione dei treni normali; essa non passa attraverso le porte della città, ma richiese la creazione di ponti appositi.







2 commenti:

nouvelles couleurs - vienna atelier ha detto...

grazie per questo post, fantastico, adoro questo tiupo di post e poi le foto vecchie stupende

Edmea ha detto...

Grazie a te per visitare sempre il mi blog!
Ogni tanto anche io faccio una capatina sul tuo ;-D

A presto!

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Followers

Google+ Followers

 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. - Ogni lettore è responsabile personalmente dei commenti lasciati nei vari post. Si declina ogni responsabilità per quanto scritto da chiunque: anonimi o utenti registrati. - Le immagini pubblicate nel blog, che sono state prelevate dalla Rete, riportano i link con l'indicazione della fonte. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore, si prega di avvisare via e-mail e verranno immediatamente rimossi.
Chez Edmea Design by Insight © 2009