Cerca nel blog

Icona RSS Icona-Email Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

Madeleine Castaing


1894-1992

Antiquaria e interior designer di fama internazionale, fu amica e mecenate di molti artisti tra cui Soutine, che la ritrasse nel 1928.
Dal carattere originale e spesso anche capriccioso, Madeleine Castaing ha rivoluzionato il mondo della decorazione. Lo "stile Castaing" è oggi considerato, infatti, come un riferimento.

Figlia dell'ingegnere che costruì la stazione ferroviaria di Chartres, Madeleine Magistry sposa presto un ricco ereditiero di Tolosa, il critico d'arte Marcellino Castaing, che aveva conosciuto quando era un adolescente.
Il loro incontro si concluse con un "rapimento" della ragazza, che aveva appena quindici o sedici anni e con il successivo matrimonio. Con venti anni più di lei, Marcellino Castaing era noto per la sua impressionante cultura letteraria e artistica. Durante i cinquant'anni di matrimonio, Marcellino è stato la vera passione di sua moglie, questo a detta di tutti gli amici della coppia, tra cui lo scrittore e fotografo Francois-Marie Banier, che ricorda come "legendary love" di Madeleine per suo marito.

Nel 1920, Madeleine Castaing debutta come attrice in alcuni film muti; ma rinunciò ben presto a questa carriera nonostante il soprannome di "la Mary Pickford francese".
Nello stesso periodo, suo marito acquistò un maniero in stile neoclassico che aveva a lungo sognato, nella città di Lèves vicino a Chartres. Egli, disse, voleva "staccare la spina".
La giovane moglie aveva, infatti, scoperto un talento per la decorazione, ma rimase, ovviamente, dilettante per un primo periodo.

Poco dopo la morte di Modigliani loro amico, conobbe Chaïm Soutine al Café de la Rotonde, nel quartiere Montparnasse a Parigi.
Il primo incontro fu disastroso: Soutine rifiutò la banconota da 100 franchi da Marcellino Castaing per l'acquisto di  un dipinto nemmeno visionato.
Pochi anni dopo, nel 1925, Castaing potè comprare lo stesso quadro da Leopold Zborowski, il mercante principale di Soutine e Modigliani, e strinse amicizia con lui.
Dal 1930 al 1935, i coniugi Castaing accolsero Soutine nella loro casa do Lèves durante l'estate, diventando i suoi mecenati ed i suoi maggiori acquirenti. E' grazie a loro che Soutine potè tenere la sua prima mostra a Chicago nel 1935.
In tutto, Castaing possedeva più di quaranta dipinti di questo artista, vale a dire la più importante collezione di dipinti di Soutine di proprietà privata. Madeleine Castaing vedeva in lui il più grande pittore del XX secolo: "Al di sopra degli altri, dà la mano a El Greco e Rembrandt".

Il ritratto di Madeleine Castaing realizzato da Soutine, dal titolo "La Petite Madeleine designer", è ora al Metropolitan Museum of Art di New York. Il termine "piccola Madeleine" fa venire in mente la "petite madeleine" di Marcel Proust, autore con il quale Madeleine ha sempre mantenuto un rapporto speciale; a suo stesso dire, Madeleine Castaing ha dedicato diversi decenni a leggere e rileggere "Alla ricerca del tempo perduto".
In generale, i Castaing furono mecenati di pittori della scuola di artisti a Parigi e dell'Accademia de la Grande Chaumière.
Madeleine Castaing fu anche amica di Erik Satie, Maurice Sachs, Blaise Cendrars, André Derain, Jean Cocteau (di cui decorò la casa di Milly-la-Foret), Marc Chagall, di René Iché, Pablo Picasso, Henry Miller, Louise de Vilmorin (al quale ha ispirato il personaggio di Giulietta nel romanzo dallo stesso nome) e Francine Weisweiller (di cui ha decorato la Villa Santo Sospir Saint-Jean-Cap-Ferrat).
Lo storico e politico Michel Castaing (1918-2004), figlio secondogenito dei coniugi Castaing, era un famoso libraio, un esperto in paleografia. Il piccolo figlio di Madeleine Castaing, Frédéric Castaing, è stato un libraio specializzato in autografi, ma anche un romanziere.
Alla morte di Michel Castaing, nel 2004, la collezione di famiglia di dipinti e oggetti d'arte fu venduta all'asta. Tra questi c'erano anche sette opere di Soutine.
Dal 1930, le scelte artistiche di Madeleine Castaing hanno svolto un ruolo significativo nel mondo dell'arte, sia attraverso la sua professione di antiquaria, sia nel suo lavoro come decoratrice d'interni. Ancora oggi, lo "stile Castaing" è largamente utilizzato e riprodotto.
Aprì, poi, a Parigi una galleria d'antiquariato durante la guerra, all'angolo di rue Jacob e rue Bonaparte per una semplice ragione: di proprietà dei Lèves, la galleria era stata requisita dalle truppe di occupazione, e Madeleine Castaing volle salvarla e continuare la "caccia" nei mercati delle pulci.
In questo negozio, famosa per il suo frontale nero e per le grandi finestre, operò quella che fu ribattezzata da tutti la "Diva della decorazione". Vendeva solo secondo le sue simpatie, vale a dire solo le persone che le piacevano e con le quali poteva parlare per ore potevano entrare nel suo entourage di artisti.
Lo stile Lèves della Galleria in rue Jacob ha influenzato il gusto di intere generazioni di collezionisti in Europa e negli Stati Uniti. Vi è anche un colore, "Castaing blu", creato da Madeleine per lo sviluppo dello stile Lèves: blu per gli elementi chiari e intensi, usato in contrasto con il bianco o nero, specialmente nelle gamme di tessuti e stampati.
Durante la sua carriera come antiquaria e decoratrice, Madeleine Castaing ha spiegato la sua scelta di ripetere che "si doveva cambiare", riferendosi in tal modo all'ostracismo subìto da parte l'estetica del XIX secolo, in particolare dallo stile di Napoleone III. Andando contro la moda, ha insistito sul senso di "saturazione" ispirato alla "falsa poltrona Luigi XVI fatta di drappi e velluto".
Il suo motto, infatti, fu per lungo tempo quello di "fare poesia con mobili".
"Io faccio case come altri fanno poesie", ha detto, e il suo discepolo Jacques Grange parla delle sue "emozioni che non erano noti in precedenza nel mondo della decorazione", emozioni che influenzano l'interior designer di oggi.
L'estetica neoclassica di Madeleine Castaing ha influenzato tanti interior designer contemporanei: l'italiano Mario Praz che devia dai canoni abituali di interni e si rivolge al diciannovesimo secolo, il rivale Emilio Terry che ha inventato il "Luigi XVII", i motivi di rombi e ovali di Wedgwood, il chintz inglese, lo stile monocromo gustaviano "Bayadere", le curve del Biedermeier, i sedili di bambù e i frontoni triangolari alla maniera di Pavlovsk, pouf e tappeti finto leopardo ispirati all'Impero, il periodo di opale latteo di Louis-Philippe, il metallo verniciato delle produzioni russe, svedesi e inglesi e le silhouettes nere su sfondo bianco.



Nel ritratto di Soutine

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Followers

Google+ Followers

 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. - Ogni lettore è responsabile personalmente dei commenti lasciati nei vari post. Si declina ogni responsabilità per quanto scritto da chiunque: anonimi o utenti registrati. - Le immagini pubblicate nel blog, che sono state prelevate dalla Rete, riportano i link con l'indicazione della fonte. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore, si prega di avvisare via e-mail e verranno immediatamente rimossi.
Chez Edmea Design by Insight © 2009